Esempio mirabile di sincretismo religioso e architettonico, sorge timidamente nascosta tra i meandri di Girgenti.

Fu la prima Cattedrale del Colle in epoca normanna.

 

la chiesa SMG 3 MODIFICATA

 

la chiesa SMG 5 MODFICATA

Subì lievi rifacimenti nel XIV, quando fu modificato il portale d’ingresso, nel XVI secolo quando fu rifatto il prezioso e raro soffitto dipinto, tuttora in  in parte integro, e fu realizzato l’affresco visibile sulla parete meridionale.

 

 

 

Molto interessante è il colatoio sottostante la navata centrale.

Insieme alla Cattedrale di San Gerlando, al Santuario di San Calogero e alla chiesa di San Biagio, è  uno dei pochi  esempi di  modello di chiesa a tre navate presente in città.

 

La chiesa SMG 2 MODIFICATA

 

Qui predicò il Vescovo Gerlando inviato dagli Altavilla a ristabilire una comunità cattolica nella musulmana Kerkent, capitale della Sicilia berbera durante la dominazione araba, e a riconquistare la fiducia dei cristiani ortodossi originari fondatori di Santa Maria dei Greci, in età bizantina, e a cui  si riferisce il nome stesso della chiesa.

Luogo di culto sicuramente dal V secolo a.C., ma già frequentato fin dall’età del bronzo, sorge su quella che secondo molti studiosi era l’Akropoli di Akragas. Ingloba infatti importanti resti di un tempio dorico monumentale la cui data precisa di edificazione non è stato ancora possibile stabilire.

 

la chiesa SMG 4 MODIFICATA

 

L’attribuzione alla dea Atena Lindia  o a Zeus Atabirios non ha fondamenti archeologici.

Ha tutte le caratteristiche per essere inclusa nel sito UNESCO della Valle dei Templi anche se formalmente ancora non ne fa parte  a causa di motivi burocratici.

La chiesa è aperta per le funzioni religiose e secondo il calendario di visita dei monumenti religiosi dell’itinerario Arkeo e Fede proposto dall’Arcidiocesi di Agrigento in collaborazione con l’Associazione Ekklesia Viva che è incluso nel nostro tour di visita guidata del Centro storico di Agrigento, la vecchia Girgenti.

 

la chiesa via SMG 7

 

L’attuale costo del biglietto cumulativo che include la Cattedrale di San Gerlando e il Sarcofago di Ippolito e Fedra, la chiesa di Santa Maria dei Greci e il Museo Diocesano MUDIA è di € 4 se si è accompagnati da una guida turistica abilitata, altrimenti di € 6.

Noi guide turistiche abilitate ringraziamo l’Arcidiocesi che praticando uno sconto ai turisti che si affidano a noi, ci supporta in questo difficile momento di crisi dovuto alla pandemia.

Ti ringraziamo anticipatamente per farlo anche tu prenotando una visita guidata che comunque ti consigliamo non solo perché ti permette di  comprendere meglio la città da vari punti di vista e vivere un’esperienza unica,  ma anche per  ottimizzare i tuoi tempi.

Non esitare a contattarci.

 

Giovanna Lombardo

 

 

Condividi