A Casteltermini, comune dell’agrigentino, si ritorna quest’anno a celebrare la Festa di Santa Croce con la 353a Sagra del Tatarata’.

Si tratta di una manifestazione folkloristica unica al mondo, tanto da essere stata iscritta nel Registro delle Eredità Immateriali della Regione Siciliana, nel “Libro delle celebrazioni, feste e pratiche rituali”.

La festa si lega alla storia del rinvenimento di una Croce lignea, sepolta in aperta campagna nel territorio di Casteltermini, intorno al XVII secolo.

La scoperta sarebbe stata fatta grazie allo strano comportamento di una mucca al pascolo, che giunta in quel punto inevitabilmente si inginocchiava.

La Croce è ritenuta di epoca paleocristiana ed è conservata nell’Eremo di Santa Croce sorto in seguito in quel luogo.

Tale rinvenimento viene celebrato dal 1667 con una festa che si svolge così come ancora nella sua forma attuale: una lunga processione a cavallo ed una danza armata di spade.

Il nome Tatarata sarebbe onomatopeico, a ricordare il suono prodotto dai tamburi che accompagnano questa coreografia unica eseguita con spade d’acciaio.

Si ritiene che derivi da riti celebrativi della primavera di chiara matrice islamica.

Per approfondire l’argomento potete consultare il portale apposito:

www.sagradeltatarata.it

Sara Chiummo

In apertura dipinto originale della famiglia Petix

 

Condividi